Competitive Data  ha completato  l’analisi dei bilanci delle prime 300 aziende farmaceutiche,  per il triennio 2015-2017.

Il campione analizzato include sia i produttori di medicinali e vaccini, che contoterzisti, produttori di principi attivi, materie prime, ecc.

 

RICAVI e margini IN aumento

I ricavi complessivi registrano una crescita del +3,4%, con le regioni del Nord Est che ottengono la performance migliore, +10,8%, seguite dalle regioni del Sud e delle Isole con un incremento del +3,4%, mentre le regioni del Centro crescono del +3,0%, chiudono le regioni del Nord Ovest con un lieve incremento, +2,1%. E’ da segnalare la presenza di distretti ben definiti all’interno di ciascuna area territoriale

fatturato cumulato aziende farmaceutiche

 

EBITDA

Le aziende farmaceutiche hanno ottenuto buoni risultati anche dal punto di vista dei margini. L’analisi dell’EBITDA fa infatti registrare una crescita, +5,8%, maggiore di quella dei ricavi, dove, questa volta, sono le regioni del Nord Ovest a primeggiare con il +10,0%, seguono le regioni di Sud e Isole  in  crescita del +3,0%, quelle del Nord Est in aumento del +1,3%, ed infine le regioni del Centro in leggera crescita +0,9%.

 

classi di fatturato

L’analisi delle performance aziendali per classi di fatturato ci riserva qualche sorpresa. E’ infatti nella classe di fatturato compresa tra 20 e 100 milioni di euro che si registra la crescita maggiore, +4,0%, non molto distante dalla performance delle aziende con fatturato superiore ai 100 milioni di euro, +3,9%. Lo scenario cambia invece per il cluster di fatturato inferiore ai 20 milioni di euro, che flette del -7,9%.

 

LE classifiche

La classifica delle prime dieci aziende farmaceutiche per fatturato (civilistico) 2017 vede primeggiare i grandi player internazionali:

  1. SANOFI                              1.548 €/mln
  2. ELY LILLY ITALIA              1.450 €/mln
  3. MERCK SERONO              1.327 €/mln
  4. NOVARTIS FARMA           1.111 €/mln
  5. ROCHE                               1.047 €/mln
  6. CHIESI FARMACEUTICI   1.013 €/mln
  7. ABBVIE                                  967 €/mln
  8. BAYER                                    851 €/mln
  9. PFIZER ITALIA                      811 €/mln
  10. BRISTOL-MYERS SQUIBB   783 €/mln

 

Fatta eccezione per Chiesi Farmaceutici sembra che le aziende nostrane siano di piccole dimensioni; ma lo scenario cambia se ricostruiamo i gruppi e prendiamo in considerazione i bilanci consolidati. Ecco i principali gruppi nazionali: 

  1. MENARINI       3.681 €/mln
  2. CHIESI              1.749 €/mln
  3. ANGELINI         1.669 €/mln
  4. BRACCO           1.314 €/mln
  5. RECORDATI      1.289 €/mln
  6. ALFASIGMA      1.083 €/mln

 

Le aziende con fatturato sopra i 100 milioni di euro, che hanno ottenuto la crescita maggiore nel 2017, sono state:

  1. ELI LILLY ITALIA , +70,2%;
  2. GENTIUM, +57,1%;
  3. MYLAN, +56,7%;
  4. DOMPE’ FARMACEUTICI, +54,3%;
  5. I.S. FABBRICA ITALIANA SINTETICI, +38,3%.

 

UTILi in flessione

Nel 2017 gli utili sono stati pari a 2.855.154.000 euro, una flessione del -9,3% rispetto ai 3.149.135.000 euro del 2016. Tuttavia sono aumentate le aziende che hanno chiuso l’esercizio in utile, 261 per l’esattezza, contro le 255 del 2016.

L’incidenza dell’utile sul fatturato è stata del 8,0% nel 2017, mentre nel 2016 era il 9,1%,

 

gli indici di redditivita’

Aggregando i bilanci delle aziende farmaceutiche che realizzano nel settore una quota superiore al 50% dei ricavi si ottiene il bilancio somma settoriale, dal quale vengono calcolati i valori medi di riferimento con cui confrontare le performance aziendali.

  • Il ROE, Return on Equity, è il rapporto tra Utile e Patrimonio netto e rappresenta la redditività per i soci Il ROE medio nel 2017 è stato del 11,2%, in crescita rispetto al 9,2% del 2016.
  • Il ROI, Return on Investment, è il Risultato operativo (ottenuto sottraendo dai ricavi tutti i costi operativi) sul Capitale investito netto (cioè l’attivo di Stato Patrimoniale al netto dei fondi di rettifica). Rappresenta la redditività della gestione caratteristica. Il ROI medio è stato pari al 11,9% nel 2017, stabile rispetto al 2016.
  • Il ROS, Return on Sales, è il rapporto tra il risultato operativo e i ricavi e rappresenta il margine operativo sulle vendite. Il ROS è stato pari al 8,7%, leggermente superiore a quello del 2016, 8,3%.

 

Fa segnare una crescita anche l’EBITDA medio rispetto al fatturato, o ebitda margin, passato dall’11,8% del 2016 al 12,2% del 2017.

redditività farmaceutica

RISCHIO FINANZIARIO IN leggero peggioramento

Il rapporto di indebitamento, o leverage, rappresenta indirettamente la proporzione esistente tra risorse proprie e risorse di terzi utilizzate per finanziare gli impieghi ed è pari al rapporto fra totale capitale investito e il patrimonio netto, misurando il cosiddetto “effetto leva”.

Nel 2017 il rapporto di indebitamento evidenzia un valore pari a 1,8, in peggioramento rispetto al 1,7 del 2016, ma comunque in equilibrio.

L’incidenza media degli oneri finanziari sul fatturato è stata dello 0,4%, in aumento rispetto allo 0,3% del 2016.

 

Se vuoi essere informato su l’uscita degli ultimi dati aggiornati relativi alle aziende farmaceutiche iscriviti alla nostra newsletter. 

FARMACIA: L’ANALISI DELLE PRIME 445 FARMACIE NEL 2018

Competitive Data  ha completato l’analisi dei bilanci delle prime 445 farmacie per il triennio 2015-2017. La farmacia, oltre ad essere il canale principale per la vendita di prodotti farmaceutici, è anche il terzo canale per importanza, per la vendita di cosmetici, subito dietro le profumerie.

Continua a leggere l’articolo qui https://www.monitoraitalia.it/farmacia-analisi-445-farmacie-nel-2018/

OSPEDALI: L’ANALISI DEI PRIMI 320 OSPEDALI PRIVATI NEL 2018

Competitive Data  ha completato l’analisi dei bilanci dei primi 320 ospedali privati per il triennio 2015-2017.

 

RICAVI E MARGINI IN CRESCITA

Sommando i ricavi dei primi 320 ospedali privati si ottiene una crescita del +5,8% nel 2017, con le regioni del Nord Ovest che si distinguono per la performance migliore, +9,3%, continua a leggere l’articolo qui https://www.monitoraitalia.it/ospedali-primi-320-ospedali-privati-nel-2018/